Di qui appare estremamente calzante e precisa l'identificazione del blues con il concetto di "musica come ideologia", intesa cioè quale elemento culturale e di lotta la cui estetica sottolinea le contraddizioni sociali del tempo ed il cui linguaggio formale tende a cobatterle ed a superarle.

Il New Groove Dictionary of American Music definisce il blues come "Secular Black American Music del XX Secolo la cui storia ed evoluzione è separata, ma a tratti correlata, a quella del jazz. Nato da oscure e difficilmente documentabili radici rurali americane, è divenuto il genere di musica popolare più diffuso su disco e più registrato. I mutamenti sociali ne hanno di volta in volta trasformato le caratteristiche. Dagli anni Sessanta il blues è divenuto la più importante e identificabile influenza della Western Popolar Music. (Il blues è anche un modo di essere ed un modo di esprimersi connaturato al popolo nero)".

Le cellule che alimentano il blues sono molteplici e differenti tra loro: dai richiami ancestrali e tribali ai canti di lavoro, dai richiami (hollers) ad una moltitudine di inni e di canti religiosi (spirituals, sinful songs, secular songs, jubilees, anthems, spesso derivati dai canti luterani, dai canti popolari anglo-scoto-irlandesi e dalle Chiese battista e metodista sviluppatesi sul finire del Settecento), dal black minstrelsy al vaudeville, dai medicine shows ai primi songsters

Studiando attentamente le forme strutturali e compositive dei vari bluesman, Harry Oster ha estrapolato le seguenti caratteristiche e forme di blues:

1. Espressione di una emozione attraverso il canto e l'accompagnamento strumentale ( segue la distinzione classica delle armonie, della struttura in "12 battute", ect.).
2. Una performance solo strumentale che segue un ben determinato schema.
3. Un brano che partendo dalla classica struttura si evolve modificandosi, arricchendosi e contaminandosi con altre forme.
4. Il Talking Blues.
5. Brani che si assimilano al blues per sentimenti espressi ed estetica strumentale.

Spesso parlando di blues si prendono in considerazione alcune di queste modalità espressive (si parla degli spirituals e delle ballate dei songsters come di "blues") i cui limiti e confini spesso si sovrappongono e stemperarno tra loro, e del resto il problema delle classificazioni e delle tipologie è sempre stato uno dei più controversi.

Share