1914  -  1994

Eddie Boyd nacque il 25 Novembre 1914 nelle piantagioni di Stovall vicino Claksdale, Mississippi, era figlio di un personaggio molto singolare, insieme predicatore,musicista e poeta, che era solito accompagnarsi alla chitarra dando vita ballate particolarmente immaginifiche.

Proprio dal padre, Eddie apprese i primi rudimenti chitarristici insieme ad una nutrita serie di ballads e traditionals mississippiani. La persecuzione razzista prese di mira la sua famiglia per un lungo periodo, persecuzione ad opera del famigerato Ku-Kluz-Klan, e proprio per questo, ancora giovanissimo, Eddie decise di fuggire prendendo la strada dell'emigrazione spostandosi a New Orleans.

Qui, la decisione di dedicarsi completamente alla professione di musicista fu quasi obbligata, a quell'epoca, a New Orleans, vi era grande richiesta di pianisti per intrattenere in clienti nei bordelli e per suonare nei Juke Points, così Boyd si improvvisò oltre che pianista anche intrattenitore.

In quell'ambito ebbe modo di affinare la sua tecnica strumentistica, ed attraverso la frequentazione di altri personaggi attivi nella scena di New Orleans, mutuò gli elementi basilari di quello che diventerà il suo futuro stile musicale ed esecutivo.

Ormai in possesso di un buon bagaglio tecnico e deciso a cimentarsi nella composizione di Blues si trasferì a Chicago che all'epoca rappresentava una sorta di terra promessa per musicisti neri. Nella cosiddetta Windy City vi erano infatti le maggiori case discografiche e si esibivano i protagonisti della scena Blues dell'epoca.

A Chicago Eddie conobbe Sonny Boy Williams I ed insieme a quest'ultimo diede vita ad un brillante sodalizio artistico, caratterizzato dell'esclusivo cotrappunto tra il suo elegante e pulito pianismo e gli accorati fraseggi dell'armonica di Sonny.

Presto il duo venne convocato dalla RCA che al tempo era impegnata nella ricerca di validi sostituti al grande Big Maceo, costretto all'abbandono della scena musicale a causa di un improvvisa paralisi. Lo stile di Eddie però deluse le aspettative della RCA a causa del sua caratteristica impronta melodica ed espressiva, suscitando però l'interessa di un'altra Major discografica, la Chess.

Proprio per quest'ultima Label Boyd fece le sue prime incisioni discografiche che riscossero un discreto successo. La carriera di Eddie Boyd, proprio sul punto di decollare, fu invece stroncata da un tragico incidente automobilistico nel quale il musicista rimase gravemente ferito.

A Chicago, successivamente,  insieme a Sonny Boy Williamson I, Big BillBroonzy, Memphis Slim, Jazz Gillum e Tampa Red diede vita a quello che divenne famoso come "Bluebird Beat", ovvero uno stile musicale di band dove batteria, basso e piano accompagnavano la chitarra solista e la voce.

Debuttò come solista nel 1947 ed incise 21 swinging R&B con la RCA. In quel Periodo compose quello che sarà il suo più grande successo e che lo farà passare alla storia "Five Long Years" di cui egli stesso finanziò le prime incisioni tanto era convinto della bontà del pezzo che oggi è considerato uno standard ed è stato reinterepretato dai più grandi bluesman della storia.

Dopo essersi allontanato dalla scena musicale per lungo tempo , Eddie Boyd venne rilanciato dal Blues Revival degli anni Sessanta ed in quel periodo decise anche di trasferirsi in Europa, risiedendo dapprima in Inghilterra e successivamente in Finlandia in maniera definitiva.

Qui Boyd  incise dieci album e si sposò nel 1977. Morì il 13 Luglio 1994 ad Helsinki in Finlandia pochi mesi prima che Eric Clapton pubblicasse l'album From the Cradle che include i pezzi di Boyd, Five Long Years e Third degree.

Share